Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

ATTRAVERSAMENTI

Eventi, Teatro — By Miriam on dicembre 9, 2012 at 23:43

 

Conclusa con successo l’edizione 2012 di ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI, il festival in cui si attraversano momenti di teatro, danza, musica, performance, video e site specific, inseriti in spazi urbani e pubblici, rigorosamente ad ingresso libero, perché la cultura deve essere un diritto accessibile.

Nato nel 2001 ad opera dei Margine Operativo, il progetto artistico ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI, ha scelto sempre location diverse e ha ospitato decine di artisti della scena del contemporaneo italiani e internazionali spaziando sempre dal teatro all’arte visiva, dalla danza alla musica, con una grande attenzione verso la scena indipendente e al “nuovo”, riuscendo a intercettare nei suoi eventi  un vasto e variegato pubblico. Non a caso, simbolo della rassegna è un unicorno, animale fantastico  segno di sconfinamento e nuove possibilità.

Il festival quest’anno si è svolto in due quartieri specifici della capitale: S. Lorenzo e il Quadraro; ed è stato incredibile come, imbattendosi in queste zone, ci si è subito trovati immersi in un’atmosfera di condivisione artistica multiforme. Dal 29 novembre all’8 dicembre, nei luoghi oggi vitali della metropoli come ESC atelierGarage Zero è stato possibile osservare, infatti, la perfetta combinazione tra azioni artistiche e spazi che le ospitano. Ad ogni angolo si è assistito a cambiamenti di forma e identità culturale. Da una macchina omologata per sei, palcoscenico delle performance di Tamara Bartolini e Michele Baronio in TU_TWO due alla fine del mondo, alle suggestive visioni consigliate dagli ANAGRAMA in Nismat, fino alla claustrofobica ma al tempo stesso liberatoria coreografia di BAROKTHEGREAT in The Origin, vincitore del Premio Mondo GAI/Giovani artisti Italiani 2010.

Da sottolineare, infine, il contributo di Fiorenza Menni con TEATRINO CLANDESTINO, in BOIA, progetto ispirato a centinaia di scritte fotografate e raccolte negli ultimi quattro anni, in particolare, sui muri della città di Bologna. Concerto breve per imbrattamenti, voce e sintetizzatori in cui riecheggiano frasi ironiche e invitanti alla riflessione come: ceti merdi; scusa porco se ti chiamo dio; di DAMS si muore; tacchi alti sguardi bassi o se voi eterosessuali usate il culo solo per cagare perché non usate la bocca solo per mangiare…?

Meditate gente, meditate… e, tornate nella “Roma berlinese” anche nel 2013!

 

Miriam Larocca

 

ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI

ARTINCONNESSIONE 

 

Tags: , , , , ,

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment


*
Nice Theme
Nice Theme
WordPress Themes